Friday, 24 March 2017

L'esercito degli Stati Uniti continua ad uccidere civili in Afghanistan

Nel marzo del 2014, l’esercito degli Stati Uniti ha pagato a un uomo afgano poco più di mille dollari come risarcimento per aver ucciso suo figlio, un civile, nel corso di un’operazione vicino al confine con l’Iran. È quel che emerge da alcuni documenti dell’esercito statunitense. Sei mesi dopo, l’esercito statunitense ha versato diecimila dollari a un altro afgano dopo che il figlio, anche lui un civile, è stato ucciso durante un’operazione guidata dagli Stati Uniti nella stessa provincia. Haji Allah Dad, 68 anni, ha perso in tutto venti familiari, tra cui il fratello e la cognata, in seguito a un’operazione delle forze speciali statunitensi e afgane vicino alla città settentrionale di Kunduz, nel settembre del 2016. Allah Dad ha dichiarato di aver ricevuto un risarcimento solo dal governo afgano e non da quello statunitense. Quasi 16 anni dopo aver invaso l’Afghanistan, gli Stati Uniti non hanno ancora delle procedure uniformi per il riconoscimento dei risarcimenti economici alle famiglie delle migliaia di civili afgani uccisi o feriti durante le operazioni militari effettuate dal loro esercito. Washington ha cominciato a pagare le famiglie delle vittime afgane solo per contrastare i combattenti taliban, che già lo facevano.
Un sistema ingiusto
L’approccio degli Stati Uniti ai risarcimenti è volontariamente arbitrario, perché cerca di negoziare con le sensibilità culturali e locali dell’Afghanistan dalla sua posizione di forza militare. Ma gli attivisti per i diritti civili sostengono che il sistema sia ingiusto e dannoso per i cittadini afgani, spesso poveri e poco istruiti. Un portavoce del Pentagono ha dichiarato che l’esercito lascia la decisione sulle cifre da versare agli ufficiali militari impegnati sul campo, poiché sono nella posizione migliore per giudicare gli incidenti. “I “risarcimenti di cordoglio” in Afghanistan si basano sulle norme culturali delle diverse regioni, sui consigli dei partner afgani e sulle circostanze dell’evento in questione”, ha spiegato il portavoce Adam Stump. “I comandanti militari impegnati sul campo hanno quindi l’autorità di decidere sui pagamenti, perché sono loro ad avere la migliore comprensione di questi fattori”, ha chiarito Stump. Non è chiaro come l’esercito statunitense converta questi fattori in termini monetari. Washington ha cominciato a versare i risarcimenti in Afghanistan nel 2005, dopo essersi resa conto che i taliban stavano accrescendo la loro influenza e popolarità offrendo denaro ai civili dopo i bombardamenti statunitensi, afferma il Center for civilians in conflict, un gruppo di ricerca e associazione non profit con sede negli Stati Uniti. Secondo il diritto internazionale e quello nazionale gli Stati Uniti non sono tenuti a versare dei risarcimenti per i civili uccisi durante le loro azioni militari. Tuttavia è dai tempi della guerra in Corea, negli anni cinquanta, che effettuano simili pagamenti. In alcuni casi hanno risarcito i parenti dei civili uccisi durante la guerra in Iraq.
I civili meritano di più
Chi critica questa politica denuncia il fatto che l’assenza di uno standard nei pagamenti di compensazione si traduce in un trattamento non equo per le vittime civili afgane morte in un conflitto che dura da anni. Il principale dirigente militare statunitense in Afghanistan ha dichiarato più volte che sarebbero necessarie migliaia di truppe supplementari per rompere lo stallo che si è creato con i taliban. “È preoccupante che si parli di rafforzare le operazioni nel paese senza che esista una procedura standard per il pagamento dei risarcimenti”, ha affermato Marla Keenan, una responsabile dei programmi del Center for civilians in conflict. “Un uomo a Kunduz può ottenere quattromila dollari per i danni subiti dalla sua auto, mentre una donna a Gardez riceve mille dollari per la morte del suo bambino. I civili meritano di più”, ha aggiunto Keenan. Secondo i documenti dell’esercito statunitense, ottenuti in seguito a una richiesta in base al Freedom of information act (la legge sulla libertà d’informazione), le forze statunitensi hanno pagato alle famiglie afgane circa 1,2 milioni di dollari di risarcimenti per la morte di almeno 101 afgani e il ferimento di altri 270 dalla fine del 2013 al 2016. Quasi tutte le vittime erano civili. Cinque di questi pagamenti hanno riguardato componenti del governo afgano, come mostrano i documenti mai pubblicati prima. L’ammontare dei pagamenti, anche in casi apparentemente simili, varia molto. “Questo mostra che ogni unità stabilisce i suoi criteri, e che non esiste una modalità standard (e neanche un criterio finanziario unico) in tutto l’esercito su come effettuare questi pagamenti e sul loro ammontare”, ha spiegato Keenan. Nel caso di Allah Dad, il denaro non è venuto dagli Stati Uniti, ma dal governo afgano. L’attacco che ha ucciso i suoi parenti a Boz, vicino a Kunduz, è stato oggetto di un’inchiesta dell’esercito statunitense, che ha scoperto a gennaio che 33 civili sono stati uccisi e 27 feriti quando le forze speciali degli Stati Uniti e dell’Afghanistan hanno risposto al fuoco dei taliban, usando delle abitazioni civili e richiedendo l’aiuto delle forze aeree statunitensi. Il capitano Bill Salvin, portavoce dell’esercito statunitense in Afghanistan, ha dichiarato che gli Stati Uniti non hanno pagato alcun risarcimento, lasciando al governo afgano il compito di decidere cosa volesse fare. Il motivo non è chiaro. Mahmud Danish, portavoce del governatore della provincia di Kunduz, ha dichiarato che il governo afgano ha pagato centomila afgani (1.500 dollari) per ogni morte e cinquantamila (750 dollari) per ogni persona ferita. Secondo Allah Dad gli Stati Uniti avrebbero dovuto assumersi le loro responsabilità nei confronti delle vittime civili. “Gli americani devono rispondere di quel che hanno fatto e devono pagare per ogni singola persona uccisa o ferita in questo attacco”, ha dichiarato Allah Dad, che ha avuto anche nove parenti feriti. L’uomo ha dovuto abbandonare il suo lavoro d’insegnante e oggi coltiva meloni e grano nei suoi terreni. “Il governo afgano ha promesso di rimborsarci per le case, le automobili, i macchinari e il bestiame che abbiamo perduto, ma finora non ha fatto niente”. Interpellato sul caso di Allah Dad, il Pentagono ha risposto che non fornisce commenti su casi specifici. L’autorità locale di Kunduz ha confermato il racconto dell’uomo sui pagamenti e il numero di suoi parenti uccisi. “Siamo consapevoli che nessuna quantità di denaro può compensare il dolore e la perdita di una vita”, ha dichiarato Salvin. Uno dei precedenti più noti in fatto di risarcimenti risale all’indomani dell’attacco aereo statunitense su Kunduz, nel 2015, che ha distrutto un ospedale gestito da Medici senza frontiere, uccidendo 42 persone e ferendone 37. L’incidente aveva ricevuto un’ampia copertura sui mezzi d’informazione e l’attenzione dell’allora presidente Barack Obama. “Il presidente si è personalmente interessato all’incidente di Kunduz ed è questo uno dei motivi per il quale anche noi ci siamo interessati alla vicenda”, ha dichiarato un ex funzionario della Casa Bianca, aggiungendo che è raro che degli ufficiali di grado analogo al suo, a Washington, si occupino di risarcimenti economici in Afghanistan. Per quell’incidente gli Stati Uniti hanno pagato in media tremila dollari per ogni ferito e seimila per ogni vittima.
>>> READ ORIGINAL ARTICLE

▂ ▃ ▅ ▆ THE CONTENT OF THIS BLOG IS NOT INTENDED TO CAUSE HARM, but if You have any concerns about the contents of this Blog, contact me by filling out the email form below. Disagreeing with the content of this Blog does not constitute sufficient ground for You to ask me to remove or modify any parts of this Blog. Thank You for visiting my Blog, Ivo R.Toniut ▂ ▃ ▅ ▆