Friday, 30 September 2016

Che cosa significa insegnare a Kabul
Hanno situazioni difficili alle spalle, ma gli studenti afghani 
dell'accademia hanno la stessa voglia ed entusiasmo 
dei loro coetanei occidentali
by Selene Biffi

Sempre entusiasti, attenti e intenti ad imparare, i ragazzi di The Qessa Academy non sembrano molto diversi dai loro coetanei di altri Paesi.

Li senti spesso parlare dei loro sogni sogni, di musica e dei film di Bollywood, e per un momento ti scordi di essere a Kabul.

Per un momento soltanto, però.

Nonostante la loro giovane età infatti – sono ragazze e ragazzi tra i 18 e i 25 anni – hanno vissuti difficili ed esperienze dolorose alle spalle. C’è chi è appena arrivata in città e vive in una casa protetta con la madre, per sfuggire alle violenze dei parenti. Alcuni hanno perso un genitore a causa della guerra. Altri si ritrovano con 22 persone in famiglia, e fanno quello che possono per sbarcare il lunario e dare una mano.

Molti di loro vorrebbero studiare per diventare medico o ingegnere, tutti vorrebbero essere utili alle loro famiglie e al loro Paese.

Perché in Afghanistan, come altrove, il futuro poggia sulle spalle di giovani come loro, pieni di speranza e di voglia di fare.
>>> PANORAMA.it

▂ ▃ ▅ ▆ THE CONTENT OF THIS BLOG IS NOT INTENDED TO CAUSE HARM, but if You have any concerns about the contents of this Blog, contact me by filling out the email form below. Disagreeing with the content of this Blog does not constitute sufficient ground for You to ask me to remove or modify any parts of this Blog. Thank You for visiting my Blog, Ivo R.Toniut  ▂ ▃ ▅ ▆